Un giorno da quel treno dissi: "Aspettami! Un anno passa presto, tornerò!" E tu, con il pianto in gola tu, mi scrivevi: io qui non vivo senza te! E' notte: nel silenzio tutti dormono; ed io, dietro i vetri, vedo te. Con lui che ti stringe forte a sè sembri sua: io sto morendo dentro me. Io sto morendo dentro. Avrei voluto essere un gabbiano. E volare volare volare lontano. Avrei voluto darti la mia mano e portarti lontano lontano, in un posto nascosto nel mondo, dove io solamente ti parlo d'amore.
"Scusami se puoi: un fiore non può restare per lungo tempo senz'acqua: muore. Come la rosa appassita tra le pagine di un libro che non finirò mai di leggere. Scusami se puoi."
Io sto morendo dentro me. Io sto morendo dentro. Avrei voluto essere un gabbiano. E volare volare
volare lontano. Avrei voluto darti la mia mano e portarti lontano lontano, in un posto nascosto nel mondo. Avrei voluto essere un gabbiano. E volare volare volare lontano. Avrei voluto darti la mia mano e portarti lontano lontano, in un posto nascosto nel mondo.

Composição: Giorgia TodraniColaboração e revisão: Desativado

Cifra Club Academy

O ensino de música que cabe no seu tempo e no seu bolso!

Quero conhecer os cursos
Cifra Club Pro

Entre para o
Cifra Club PRO

Tenha acesso a benefícios exclusivos no App e no Site

  • Chega de anúncios

  • Mais recursos no app do afinador

  • Desconto em nossos produtos

  • Entre outras vantagens...