Albergo a Ore

Milva

Io lavoro al bar Di un albergo a ore, Porto su i caffè A chi fa l'amore. Vanno su e giù Coppie tutte uguali, Non le vedo più Manco con gli occhiali. Ma sono rimasta li come un cretino Vedendo quei due arrivare un mattino. Puliti, educati, sembravano finti, Sembravano proprio due santi dipinti. M' han chiesto una stanza, Gli ho fatto vedere La meno schifosa, La numero tre.
E ho messo nel letto lenzuoli più nuovi E come san pietro, gli ho dato le chiavi, Gli ho dato le chiavi di quel paradiso E ho chiuso la porta, sul loro sorriso. Io lavoro al bar Di un albergo a ore, Porto su i caffè A chi fa l'amore. Vanno su e giù Coppie tutte uguali, Non le vedo più Manco con gli occhiali. Ma sono rimasta li come un cretino Aprendo la porta in quel grigio mattino, Se n'erano andati, in silenzio perfetto, Lasciando soltanto i due corpi nel letto. Lo so che non c'entro, Però non è giusto, Morire a vent'anni e poi, Proprio qui. Me li hanno incartati nei bianchi lenzuoli E l'ultimo viaggio l'han fatto da soli, Né fiori né gente, soltanto un furgone, Ma li dove vanno, staranno benone. Io lavoro al bar Di un albergo a ore, Portò su i caffè A chi fa l'amore. Io sarò fissata, Ma chissà perché, Non mi va di dare La chiave del tre.
Composição: Herbert PaganiColaboração e revisão: Bruno SevciucBruno Sevciuc

Utilizamos cookies para personalizar sua experiência. Ao acessar o site, você concorda com a nossa Política de Privacidade.